Bonus idrico 2018 | Modulistica, requisiti e come presentare la domanda in tutta Italia

Tempo di lettura stimato: 5 minuto/i


Bonus idrico

In gran parte delle regioni d’Italia c’è annualmente la possibilità di usufruire di uno sconto sulla bolletta idrica grazie al bonus idrico. Un’agevolazione legata all’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) e ad altri parametri che possono variare per ogni regione. La domanda per usufruire del bonus idrico va rinnovata annualmente nei modi e nei tempi indicati in questo articolo.

La novità dal 2018

Dal 2018 gli utenti del settore idrico in condizioni di disagio economico possono usufruire di uno sconto in bolletta attraverso il Bonus sociale idrico. Il sistema è stato decisamente migliorato semplificandolo e accentrandolo nelle modalità che vedremo.

Possono accedere all’agevolazione i nuclei familiari con ISEE inferiore a 8.107,50 euro, limite che sale a 20 mila euro se si hanno più di 3 figli fiscalmente a carico.

A chi va presentata la domanda

La richiesta deve essere presentata al comune di residenza (o ai Caf delegati dal comune) contestualmente alla presentazione della domanda per il bonus elettrico e/o gas. Possono automaticamente usufruire del bonus anche i titolari di Carta Acquisti o di Carta ReI.

Lo sconto in bolletta sarà pari al costo di 18,25 mc annui equivalenti a 50 litri al giorno (ossia il quantitativo minimo stabilito dalla legge) per ciascun componente del nucleo familiare.



Erogazione del bonus sociale idrico

Lo sconto verrà erogato in uno dei seguenti modi:

  • direttamente in bolletta per chi ha un contratto diretto;
  • in un’unica soluzione direttamente dal gestore del servizio idrico con le modalità individuate da quest’ultimo (esempio: accredito su conto corrente o assegno circolare non trasferibile) per chi vive in un condominio.
PRESENTAZIONE della domanda

La richiesta di Bonus per il 2018 potrà essere presentata (congiuntamente a quella per il bonus elettrico e/o gas) dal 1° luglio. Al richiedente verrà riconosciuto il bonus una tantum maturato a partire dal 1° gennaio dello stesso anno.

La modulistica da utilizzare sarà resa disponibile sui seguenti siti internet:

La misura sociale regionale

Gli Enti di governo regionali e/o comunali possono decidere di introdurre (o confermare) un’agevolazione idrica integrativa a titolo di ulteriore misura di tutela. Potrà farlo in uno dei seguenti modi:

  • riconoscendo un ammontare aggiuntivo;
  • ampliando la soglia Isee prevista per l’ammissione al Bonus.
Requisiti generici del bonus acqua

I requisiti generici per poter richiedere l’agevolazione sono:

  • ISEE: il valore deve rientrare nei limiti fissati da ogni regione;
  • pagamenti regolari: alla data della richiesta, per poter richiedere il bonus, si deve essere in regola con i pagamenti;
  • abitazione principale.
Bonus idrico: l’elenco comprendente alcune REGIONI
CALABRIA

Per la Calabria valgono i nuovi criteri 2018 indicati in apertura dell’articolo e la modulistica sarà presto scaricabile dai seguenti siti:

EMILIA ROMAGNA

I cittadini residenti in uno dei comuni appartenenti all’Unione dei Comuni della Bassa Romagna possono presentare la domanda se in possesso di un ISEE non superiore 10 mila euro. La domanda va presentata per l’anno in corso entro il 30 settembre allo Sportello Sociale Educativo del Comune di residenza allegando la fotocopia di:

  • attestazione ISEE in corso di validità;
  • una bolletta riferita all’anno per il quale viene fatta richiesta di agevolazione;
  • documento d’identità in corso di validità o del dipendente incaricato a riceverla, esibendo un documento d’identità in corso di validità;
  • uno dei seguenti documenti per i cittadini di Stati non appartenenti all’Unione Europea:
    • fotocopia del permesso/carta di soggiorno (del richiedente e dell’intestatario del contratto di fornitura dell’acqua se persone diverse) in corso di validità;
    • documentazione comprovante l’avvenuta richiesta di rinnovo.

Documenti utili da scaricare:

LOMBARDIA

Il bonus idrico vale 50 euro e viene erogato ai residenti nei Comuni della Città Metropolitana di Milano. Per ottenerlo e conoscere il regolamento di assegnazione è possibile rivolgersi all’URP o ai Servizi Sociali del proprio Comune.

TOSCANA

La misura sociale in favore delle famiglie residenti in Toscana con difficoltà economiche è garantita da Publiacqua e Autorità Idrica Toscana. I requisiti per richiedere l’agevolazione:

  • valore ISEE fino a 10.935,57 euro (nuclei familiari fino a 4 componenti);
  • ISEE di 13.640,92 euro:
    • per i nuclei familiari in cui sono presenti almeno 5 componenti;
    • 1 componente che dimostra di utilizzare ingenti quantità di acqua a causa di particolari patologie documentabili.
La procedura per richiederlo in Toscana

Basta compilare il modulo Utenza singola (per chi vive in una casa singola) oppure quello per utenze condominiali allegando copia dell’attestazione ISEE aggiornata e un documento di identità valido. SCARICA IL MODULO sul sito del gestore GAIA Spa.

TI POTREBBERO INTERESSARE
@ Riproduzione riservata



Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA regolarmente iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di utilità sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport. Provengo dal mondo informatico (ho lavorato come operatore help desk su sistemi operativi Windows).

Commenta l'articolo

Commenta per primo

  Subscribe  
Notifica
Torna SU