Dati Coronavirus 7 aprile | In calo i morti ma si sta diffondendo un pericoloso ottimismo prima di Pasquetta

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


E’ salito a 17 mila il numero complessivo dei morti in Italia dall’inizio dell’emergenza Coronavirus (+ 604 rispetto a ieri). Questo è solo uno dei dati Coronavirus 7 aprile che in molti (troppi!) stanno cercando di far passare quasi come un dato “positivo”…. e prima di Pasqua e Pasquetta è un errore clamoroso!

Dati Coronavirus 7 aprile: oltre 17 mila morti in Italia

La Protezione Civile ha diffuso il bollettino sui contagi. E’ salito a 17.127 il numero complessivo dei morti in Italia dall’inizio dell’emergenza Coronavirus (+ 604 rispetto a ieri).

In aumento anche il numero dei guariti (24392, di questi 1555 nelle ultime 24 ore). Calano anche i ricoveri:

  • 28718 persone ricoverate (258 in meno rispetto al giorno precedente).
  • 3792 sono le persone ricoverate in terapia intensiva (106 in meno rispetto al 6 aprile, dato in calo per il 4° giorno consecutivo).

GLI ALTRI DATI (a livello anche mondiale)

  • 94067 le persone attualmente positive (+880 rispetto a ieri);
  • 61557 persone in isolamento domiciliare;
  • 755445 il numero totale di tamponi eseguiti;
  • 135586 i casi totali di Coronavirus dall’inizio dell’emergenza;
  • 82.172 vittime nel mondo (la maggior parte in Italia), secondo i dati della Johns Hopkins University;
  • 1.431.900 i casi globali di positività al Covid-19 nel mondo (Stati uniti primi con 399.929 casi).


ATTENZIONE: SI STA DANDO DA GIORNI UN PERICOLOSO SEGNALE AGLI ITALIANI MA L’EMERGENZA NON è AFFATTO FINITA!

Tra prospettiva quasi propagandistica di FASE 2 (la famosa “Fase 2” di cui parlano da giorni al Governo) e la diffusione di dati apparentemente positivi, si sta lanciando da giorni un pericoloso segnale alla popolazione italiana. Se a tutto questo aggiungiamo anche l’equivoco, anche questo creato dal Governo, del “permesso” di fare 4 passi coi propri figli (travisato da molti e corretto quando ormai era troppo tardi), la cosa diventa sempre più preoccupante.

Altro che trend positivo… e per di più questo sta accadendo proprio in prossimità di due giorni che potrebbero diventare potenzialmente e ulteriormente pericolosi, Pasqua e Pasquetta. Molti, infatti, “incoraggiati” dai titoloni di tg e giornali, leggendo i presunti dati “positivi” degli ultimi giorni penseranno che “in fondo une scampagnata anche breve si potrà fare dai perché tanto le cose stanno migliorando“….

RESTIAMO ANCORA A CASA !

Purtroppo, rimarchiamo PURTROPPO, ciò non sarà ancora possibile perché siamo ancora in piena emergenza e la fretta di uscire per passeggiare, andare a lavorare, ecc.. potrebbe allungare la nostra “prigionia”…. Dunque continuiamo a RESTARE A CASA, tutti..

E ci rivolgiamo anche a Governo e colleghi giornalisti: smettiamola di dare falsi segnali agli italiani, c’è ancora da stare a casa. I dati sono ancora molto negativi e ben lontani da un “fuori pericolo”… lo si dica chiaramente alla gente, senza se e senza ma.

IL DETTAGLIO PROVINCIALE E REGIONALE ALLE ORE 18 DEL 7 aprile

La Gazzetta Digitale è stata selezionata dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie: SEGUICI su Google News

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul sociale, fisco, lavoro e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU