Dpcm 12 ottobre 2021 Green Pass Gazzetta Ufficiale | Controlli del QR code anche ai tornelli

CONDIVIDI

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i

Articolo aggiornato sabato, 16 Ottobre 2021 10:09

DPCM 12 OTTOBRE 2021

Draghi, in serata, ha firmato il nuovo Dpcm 12 ottobre 2021 contenente le modalità di verifica del possesso delle certificazioni verdi COVID-19 in ambito lavorativo nelle pubbliche amministrazioni.

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

DRAGHI HA FIRMATO

In serata è arrivata la firma del Presidente del Consiglio, Mario Draghi, su proposta del ministro dell’economia e delle finanze, Daniele Franco, del ministro della salute, Roberto Speranza, e del ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao.

Lo scopo è quello di fornire ai datori di lavoro pubblici e privati gli strumenti informatici che consentiranno una verifica quotidiana e automatizzata del possesso delle certificazioni.

UN SOFTWARE PER LA VERIFICA

Per “assicurare efficace ed efficiente” verifica del Green pass nei luoghi di lavoro pubblici e privati, il ministero della Salute “rende disponibili ai datori di lavoro specifiche funzionalità“. Il fine è verificare in maniera “quotidiana e automatizzata” rivelando solo il “possesso” di un certificato “in corso di validità”.

Il dpcm sul Green pass prevede l’uso “di un pacchetto di sviluppo per applicazioni (Software Development
Kit-SDK), rilasciato dal ministero della Salute con licenza open source”, che consente di integrare nei sistemi informativi di controllo accessi fisici della pubblica amministrazione, nei sistemi di controllo della temperatura o in soluzioni tipo totem, le funzionalità di verifica della Certificazione verde COVID-19, mediante la lettura del QR code.

GARANTITA LA PRIVACY

L’App per effettuare i controlli del Green pass garantirà la privacy dei diretti interessati. Si legge nel Dpcm infatti che “è fatto esplicito divieto di conservare il codice a barre bidimensionale (qr code) delle certificazioni verdi Covid-19 sottoposte a verifica, nonché di estrarre, consultare, registrare o comunque trattare per finalità ulteriori rispetto a quelle” per il controllo per l’accesso al lavoro “le informazioni rilevate dalla lettura dei qr code e le informazioni fornite in esito ai controlli stessi“.

PER CHI LAVORA SU TURNI

Si legge nel Dpcm “Per far fronte a specifiche esigenze di natura organizzativa, (esempio: i turni, o attività connesse all’erogazione di servizi essenziali), i soggetti preposti alla verifica” del Green pass “possono” richiederlo ai lavoratori “con l’anticipo strettamente necessario e comunque non superiore alle 48 ore. Ciò anche in relazione agli obblighi di lealtà e di collaborazione derivanti dal rapporto di lavoro“.

LEGGI LE FAQ DEL GOVERNO

LE CONSEGUENZE

I soggetti sprovvisti di certificazione verde dovranno essere allontanati dal posto di lavoro. Ciascun giorno di mancato servizio, fino alla esibizione della certificazione verde, è considerato assenza ingiustificata, includendo nel periodo di assenza anche le eventuali giornate festive o non lavorative. In nessun caso l’assenza della certificazione verde comporta il licenziamento“.

SCARICA IL PDF DEL DPCM PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE

Se non riesci a vedere il pdf, SCARICALO QUI: DOWNLOAD DPCM del 12 ottobre 2021

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 43
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*