Il migliore è lui Massimo Bottura | Osteria Francescana the best!

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Il migliore è lui Massimo Bottura

Osteria Francescana “World’s 50 Best restaurant”, il migliore è lui Massimo Bottura, lo chef italiano quasi 54enne nato a Modena il 30 settembre 1962.

(LEGGI la classifica completa)

Osteria Francescana miglior ristorante al mondo

Ha votato una giuria di circa 1000 esperti gastronomici di tutto il mondo. E dopo essersi classificato lo scorso anno al secondo posto (e al terzo nel 2014), Massimo Bottura stavolta ce l’ha fatta a conquistare il primato con il suo ristorante di tradizione ventennale di Via Stella, 22, a Modena. L’Osteria Francescana aprì infatti nel 1995, ottenne la prima stella Michelin nel 2002 e tre stelle dal 2012.

Dunque oggi il migliore è lui Massimo Bottura, una vittoria meritata che è frutto di tanto lavoro come ha detto lo stesso Bottura dopo essere stato incoronato primo al mondo ieri a New York. E’ la vittoria del lavoro, del sacrificio, della passione, della determinazione e della creatività di un grande chef lontano dalle telecamere, al contrario di molti suoi colleghi anche molto famosi.

Il cuoco-proprietario ha scelto il percorso più difficile, quello di reinventare, migliorare e sovvertire gli standard culinari della tradizione italiana in un paese (l’Italia) giustamente geloso e conservatore delle proprie grandi tradizioni culinarie e del made in Italy. E così Massimo Bottura ha ottenuto grandi consensi a livello mondiale conquistando poi anche l’Italia.

Origini ed evoluzione nel suo ristorante

Il ristorante Osteria Francescana di Bottura, offre l’opzione “à la carte” (alla carta) insieme ai due menu degustazione ossia “Sensations” un menu sempre moderno e in continua evoluzione, e “Tradizione”, in onore della sua città, Modena, e della sua regione, l’Emilia Romagna.

Nel ristorante di Bottura non si possono non sottolineare le “Cinque secoli di Parmigiano Reggiano” con il gustoso formaggio pregiato emiliano. “Autumn in New York” riflette invece le influenze internazionali dello chef (che ha sposato l’americana Lara dalla quale ha avuto due figli): le conserve di ortaggi in salamoia combinate con un brodo minerale con funghi secchi e concentrato di zucca.

Tre eleganti sale da pranzo di grande qualità e lusso fungono anche da fonte d’ispirazione per le creazioni di Bottura influenzati anche dalla arte e dalla musica jazz in particolare. Questo non deve ingannare perché Massimo Bottura è anche da sempre molto sensibile alla lotta agli sprechi di cibo tant’è che è anche fondatore di iniziative di solidarietà e contro gli sprechi (senza fini di lucro).

Il 20 giugno 2016 Bottura è stato poi ricevuto a Palazzo Chigi dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi.



LEGGI anche


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU