Protocollo sicurezza lavoratori PDF contro il coronavirus | C’è la firma, sì alla temporanea chiusura delle fabbriche in attesa della sua attuazione

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


Protocollo sicurezza lavoratori

Dopo un incontro cominciato ieri mattina e proseguito nel pomeriggio fino a tarda notte è arrivata la firma sul protocollo sicurezza lavoratori.

L’intesa tra sindacati e imprese

In seguito all’incontro in videoconferenza tra Giuseppe Conte, i sindacati, Nunzia Catalfo (Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Senatrice del MoVimento 5 Stelle), Roberto Gualtieri (Ministro dell’economia e delle finanze), Stefano Patuanelli (Ministro dello Sviluppo Economico) e Roberto Speranza (Ministro della Salute) si è giunti finalmente alla firma del “protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro“.

Ammortizzatori sociali per tutti e fabbriche temporaneamente chiuse

Da parte del Governo c’è l’assicurazione a mettere a disposizione gli ammortizzatori sociali per tutti e per le fabbriche la possibilità di fare qualche giorno di chiusura nell’attesa di mettere in pratica il protocollo appena firmato. Possibilità di controlli della temperatura agli ingressi per gli operai che sono anche tenuti a segnalare all’azienda eventuali sintomi durante l’orario di lavoro.



La soddisfazione di Giuseppe Conte

Dopo diciotto ore di un lungo e approfondito confronto, è stato finalmente siglato tra sindacati e associazioni di categoria il protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro. Per il bene del Paese, per la tutela della salute di lavoratrici e lavoratori. L’Italia non si ferma.

Il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli

È stata una notte importante per tutto il Paese. Grazie alle associazioni di categoria e ai sindacati per aver raggiunto l’intesa sul protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro. Avete dato prova di essere all’altezza delle sfide che ci aspettano. Uniti per non fermare l’Italia.

Il commento delle sigle sindacali

L’accordo raggiunto con imprese e Governo permetterà alle fabbriche di mettere in sicurezza i luoghi di lavoro, potendo ricorrere agli ammortizzatori sociali, riducendo e/o sospendendo la produzione“.

ECCO IL DOCUMENTO

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

Come recita il protocollo, l’adozione delle misure di igiene e dei dispositivi di protezione individuale indicati nel Protocollo di Regolamentazione è fondamentale e, vista l’attuale situazione di emergenza, è evidentemente legata alla disponibilità in commercio.

Per questi motivi:

  • le mascherine dovranno essere utilizzate in conformità a quanto previsto dalle indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità.
  • data la situazione di emergenza, in caso di difficoltà di approvvigionamento e alla sola finalità di evitare la diffusione del virus, potranno essere utilizzate mascherine la cui tipologia corrisponda alle indicazioni dall’autorità sanitaria
  • è favorita la preparazione da parte dell’azienda del liquido detergente secondo le indicazioni dell’OMS (doc in PDF).

Il protocollo specifica anche che, qualora il lavoro imponga di lavorare a distanza interpersonale minore di un metro e non siano possibili altre soluzioni organizzative, è comunque necessario l’uso delle mascherine, e altri dispositivi di protezione (guanti, occhiali, tute, cuffie, camici, ecc…) conformi alle disposizioni delle autorità scientifiche e sanitarie.

E ADESSO?

Arrivata la firma del protocollo, oltre a quanto indicato nel protocollo stesso, gli operai dei numerosi stabilimenti di tutta Italia riceveranno dall’azienda la comunicazione sulle date dei fermi dei reparti non indispensabili e/o delle temporanee date di chiusura per consentire le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro.

Resta il fatto (questo lo diciamo noi) che da tempo è praticamente impossibile reperire (anche online) mascherine e guanti!

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul sociale, fisco, lavoro e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU