24 Maggio 2024
Home » Lifestyle » Salute » Ritiro farmaco » AstraZeneca ritira il vaccino | Effetto ammissione rischio trombosi
astrazeneca ritira il vaccino

Vaccino AstraZeneca

L'azienda farmaceutica (AstraZeneca) non ha specificato apertamente i motivi del ritiro giustificandolo invece con "eccedenza di vaccini aggiornati disponibili".

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i

ASTRAZENECA RITIRA IL VACCINO

Si tratta di una decisione su scala mondiale arrivata dopo l’ammissione del raro ma possibile effetto collaterale (trombosi) dopo la somministrazione del farmaco. Dunque AstraZeneca ritira il vaccino su scala mondiale.

LA NETTA DECISIONE

TV e giornali internazionali stanno parlando da ore della decisione dell’azienda anglo-svedese. AstraZeneca ha reso noto di aver avviato il ritiro mondiale del suo vaccino contro il Covid-19.

Lo stesso sarà fatto anche in Europa dove si procederà al ritiro delle autorizzazioni all’immissione in commercio del Vaxzevria.

POCA CHIAREZZA ANCHE IN QUESTA OCCASIONE

L’azienda farmaceutica (AstraZeneca) non ha specificato apertamente i motivi del ritiro giustificandolo invece con “eccedenza di vaccini aggiornati disponibili“.

Eppure chiarezza e rispetto nei confronti di chi si è affidato alla scienza e alla medicina dovrebbero essere di primaria importanza. Ma evidentemente così non è, come dimostrano i fatti fin dai tempi del Covid-19.

L’AMMISSIONE: “SÌ, IL VACCINO POTREBBE PROVOCARE SINDROME DA TROMBOSI

A fine aprile 2024, AstraZeneca, citato in giudizio in una class action, ha dovuto fare una clamorosa ammissione. Nel corso di una causa a Londra, l’azienda ha ammesso che il suo vaccino anti Covid-19 può provocare (in casi molto rari) una sindrome che causa coaguli di sangue e un basso numero di piastrine nel sangue. L’effetto collaterale è così definito: “Thrombosis with Thrombocytopenia Syndrome”.

Si tratta di una clamorosa ammissione che potrebbe dare il là a una marea di richieste di risarcimento danni da vaccino che causerebbe perdite multimilionarie.

LE RICHIESTE DANNI

Fonti internazionali parlano di 51 cause attualmente depositate presso l’Alta Corte britannica. Si tratta di richieste di risarcimento danni da parte di vittime e delle loro famiglie che chiedono oltre 100 milioni di sterline.

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email

@ Riproduzione riservata


Spiacenti, non è possibile copiare il testo