Mario Giordano sbotta sul Green Pass | “Mi sono rotto i cogli..” Intanto Puzzer rassegna le dimissioni dal Clpt

CONDIVIDI

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i

Articolo aggiornato sabato, 23 Ottobre 2021 20:52

MARIO GIORDANO SBOTTA SUL GREEN PASS

In una diretta in onda sulla pagina Instagram del giornalista Nicola Porro, Mario Giordano sbotta sul Green Pass “Mi sono rotto i cogli…!”. Intanto il leader dei portuali di Trieste (e della protesta contro il Green Pass), Stefano Puzzer, rassegna le sue dimissioni dal Clpt (Coordinamento dei lavoratori portuali di Trieste).

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

IL DIBATTITO SUL GREEN PASS E I PORTUALI

Interessante ieri il dibattito tra il giornalista Mario Giordano (19.06.66), giornalista e autore televisivo, attualmente conduttore del seguitissimo programma “Fuori dal coro” in onda su Rete4, e Nicola Porro (27.06.69), giornalista e autore televisivo, attualmente conduttore del programma “Quarta Repubblica” in onda sempre su Rete4.

Tema centrale del dibattito il Green Pass e le proteste dei portuali di Trieste bistrattati dalla sinistra. A questo proposito Giordano ha detto: “Per 50 anni mi sono sentito raccontare della sacralità dello sciopero. Abbiamo visto scioperi al venerdì dei mezzi pubblici a iosa e non si poteva dire niente perché ‘lo sciopero è sacro ‘ “. Adesso, invece, ho sentito dire che lo sciopero è diventato un ricatto. Un ricatto! Tutti i soloni della sinistra hanno definito lo sciopero un ricatto”.

IL PARAGONE (FUORI LUOGO) CON GLI EVASORI FISCALI

Mi sono rotto i coglioni di continuare a sentir fare il paragone tra la questione dei tamponi e gli evasori fiscali” ha detto Giordano. Porro ha precisato: “L’ha fatto Letta dicendo “Il tampone gratuito è come coloro che pagano il condono e non pagano le tasse“.

Giordano ha proseguito: “Ti rendi conto della stronz… che è? Perché o tu mi metti l’obbligo vaccinale e io evado l’obbligo. Ma fino a quando tu Stato mi dai una possibilità di scelta e poi mi discrimini in base a una scelta personale… È una cosa pazzesca!”

Tu discrimini sul posto di lavoro un lavoratore in base a una sua scelta legata alla salute. Cosa ci vuole a capirlo?” – continua Giordano.

LEGGI ANCHE: BURIONI DERIDE I NO GREEN PASS

IL TENTATIVO DI COMPRARE I PORTUALI

Giordano ha aggiunto: “Io, come te e il leader dei portuali di Trieste (Stefano Puzzer), sono vaccinato.”. Lui (Puzzer) dice ‘Io entro al lavoro e uno che ha fatto una scelta diversa dalla mia, lo lasci fuori dal lavoro e lo discrimini?’“.

Conclude Giordano: “Anche l’idea di dare i tamponi gratis solo ai portuali perché, con questa proposta, il Governo ha cercato di comprarli. E perché a loro sì (come dicono anche gli stessi portuali) e alle altre categorie di lavoratori no?

GUARDA IL FACCIA A FACCIA TRA PORRO E GIORDANO

(Per l’argomento in questione vai al minuto 6)

INTANTO PUZZER RASSEGNA LE SUE DIMISSIONI

Il leader della protesta dei portuali di Trieste, con un post su Facebook di questa mattina ha annunciato: “Allora cosa molto importante in data odierna ho rassegnato le dimissioni dal Clpt Trieste poiché è giusto che io mi assuma le mie responsabilità. Una di queste è la decisione di proseguire il presidio fino al 20 di ottobre. La decisione e soltanto mia non è stata forzata da nessuno anzi non volevano accettarle ma io l’ ho preteso. Grazie

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 208
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*