Come richiedere il BONUS CONDIZIONATORI | Acquistarlo spendendo molto meno del prezzo iniziale

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Come richiedere il BONUS CONDIZIONATORI

Uno degli obiettivi di tutti durante l’estate è soffrire il meno possibile il caldo spesso infernale. Molti ricorrono ai ventilatori, tantissimi ormai preferiscono acquistare i condizionatori che tuttavia hanno un costo superiore. L’Ecobonus, tra le varie agevolazioni, consente di agevolare l’acquisto proprio dei condizionatori e non solo. Vediamo come richiedere il BONUS CONDIZIONATORI.

DI COSA SI TRATTA

Acquistando un climatizzatore, un deumidificatore o una pompa di calore è possibile beneficiare di alcune agevolazioni fiscali. Cosa prevede la norma:

  • detrazione del 65% per l’acquisto di condizionatori con pompa di calore ad alta efficienza energetica che sostituiscono l’impianto di riscaldamento esistente o l’impianto di climatizzazione. Al cittadino o all’impresa spetta una detrazione Irpef Ires con un tetto di spesa pari a 46.154 euro;
  • detrazione del 50% per un nuovo impianto a pompa di calore che punta al risparmio energetico e con una ristrutturazione edile, anche straordinaria. Il tetto massimo di spesa è di 96 mila euro fino al 31 dicembre 2019;
  • riduzione dal 22% al 10% dell’IVA (solo per il costo del condizionatore e dell’installazione) in caso di sostituzione di un vecchio impianto a pompa di calore;
  • riduzione al 50% delle spese effettuate per caldaie a condensazione o biomassa classe A, schermature solari.

COME RICHIEDERE IL BONUS

L’unico modo per richiedere la detrazione è quello di conservare la prova d’acquisto, ossia lo scontrino o la ricevuta/fattura. Queste saranno indispensabili nel momento in cui si dovrà compilare il modello 730 e modello Unico, tramite i quali si dovrà chiedere la detrazione.



ALTRI ARTICOLI UTILI
TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU