Super Green Pass regole e restrizioni | OK del Governo, stretta sui non vaccinati

CONDIVIDI

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i

Articolo aggiornato mercoledì, 24 Novembre 2021 19:06

SUPER GREEN PASS REGOLE E RESTRIZIONI

Con la più che probabile introduzione del super Green Pass regole e restrizioni ulteriori in arrivo per i non vaccinati in Italia. Cosa s’intravede all’orizzonte, considerando l’aumento costante dei contagi? Lo spiega DRAGHI nella conferenza stampa di mercoledì 24 novembre 2021 (ore 18,30 circa) visibile in questa pagina.

*** AGGIORNAMENTO DEL 24 NOVEMBRE 2021: SUPER GREEN PASS AL VIA, OK DEL GOVERNO ***

IN ZONA ARANCIONE, STRETTA SU NO VAX

Il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa ha sottolineato che le ulteriori limitazioni scatteranno nelle regioni che finiranno in zona arancione a causa dell’aumento dei contagi da Covid. Non un lockdown per non vaccinati provvedimenti che non dovranno subire i vaccinati. Costa ha sottolineato a “Tg2 Italia” su Rai 2 anche che si dovrà inibire l’accesso a ristoranti, bar, cinema e teatri ai non vaccinati, eccetto l’accesso al lavoro e ai bisogni di prima necessità.

QUANDO SCATTERANNO LE NUOVE LIMITAZIONI

Le scelte verranno decise e prese ragionevolmente già questa settimana” ha precisato Costa. Tra queste c’è anche quella di prevedere l’obbligo per la terza dose per tutti quei cittadini per cui già è previsto l’obbligo vaccinale (personale sanitario, docenti e Forze dell’Ordine) in scadenza il 31 dicembre 2021. “Per la riduzione della validità del Green Pass da 12 a 9 mesi, la politica attende l’indicazione del Comitato tecnico scientifico” – ha concluso Costa.

I governatori delle regioni s’incontreranno a Palazzo Chigi oggi alle ore 18 per discutere delle nuove regole.

LA SITUAZIONE DELLA VACCINAZIONE IN ITALIA

SERVIRÀ A RIDURRE I CONTAGI?

Ce lo poniamo senza pregiudizi “no vax” ma davvero servirà “rinchiudere” i non vaccinati per abbassare nuovamente l’indice Rt e di conseguenza i contagi? Davvero si crede che l’aumento dei contagi sia da attribuire ai non vaccinati? Noi pensiamo di NO e lo diciamo senza alcun velo. Basta guardare cosa accade negli stadi e nei vari locali di ritrovo e intrattenimento. Assembramenti ovunque e mascherine indossate male o per niente.

Crediamo invece che TUTTI dovrebbero fare i tamponi (non solo i non vaccinati), che TUTTI dovrebbero ancora rispettare le regole anche minime (distanziamento e mascherine) nei luoghi al chiuso e in quelli all’aperto dov’è impossibile mantenere il distanziamento. Tutto questo se davvero si vuole limitare il contagio…

STELLA KYRIAKIDES (UE): “TUTTA COLPA DEI NON VACCINATI!

Non usa mezzi termini la commissaria europea alla Salute, la Kyriakides, che nel suo intervento al Parlamento europeo dice: “Stiamo affrontando un’ondata di pandemia principalmente causata da non vaccinati nella quale i numeri in aumento sono sfortunatamente dovuti all’esitazione vaccinale. I vaccini funzionano e noi abbiamo il dovere di prendere una posizione ferma sull’esitazione vaccinale“.

L’evidenza scientifica è chiara, i vaccini funzionano e rimangono il mezzo migliore per tenere le persone a sicuro anche con la variante dominante delta” – ha proseguito la commissaria.

INTANTO ARRIVA LA LEGGE N 165

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge 19 novembre 2021 n. 165 di conversione del cd. Decreto GreenPass. La Legge ha introdotto alcune disposizioni volte a semplificare le verifiche della certificazione verde in ambito lavorativo. Tra queste c’è anche questa: i lavoratori potranno consegnare al proprio datore di lavoro copia della certificazione verde, venendo così esonerati dai controlli per tutta la durata del green pass. Ulteriore addio alla privacy e ulteriormente benvenute discriminazioni per i non vaccinati sui luoghi di lavoro!

OK DEL GOVERNO AL SUPER GREEN PASS: LA CONFERENZA STAMPA DI DRAGHI DEL 24 NOVEMBRE ORE 18,40

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email

@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*