Assegno di ricollocazione per disoccupati | Requisiti, importo e come presentare la domanda

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


Assegno ricollocazione per disoccupati

È la 1a misura di politica attiva del lavoro di livello nazionale, coordinata dall’Anpal, gestita tramite la rete pubblico-privata dei servizi per il lavoro. L’assegno ricollocazione per disoccupati è destinato indirettamente alle persone (disoccupate) che percepiscono la Nuova prestazione di Assicurazione Sociale Per l’Impiego (NASPI) da almeno 4 mesi.

Di cosa si tratta

L’assegno ricollocazione per disoccupati consiste nell’erogazione di un servizio personalizzato per consentire il reinserimento nel mondo del lavoro. Il disoccupato stipula il patto di servizio personalizzato che consentirà la valutazione delle competenze e l’elaborazione del profilo di occupabilità del disoccupato. Il risultato di questo processo di valutazione permetterà il calcolo dell’importo dell’assegno di ricollocazione.

DESTINATARI

Le persone che hanno diritto all’assegno di ricollocazione sono:

  • coloro che hanno certificato lo status di disoccupazione sottoscrivendo la DID (Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro) presso il Centro per l’Impiego;
  • disoccupati che non percepiscono la NASPI da 4 o più mesi;
  • lavoratori in Cassa Integrazione Straordinaria (CIGS);
  • coloro che beneficiano del REI (Reddito di Inclusione).


Assegno ricollocazione per disoccupati: REQUISITI

Per usufruire dell’assegno bisogna:

Allo scadere del 4° mese di disoccupazione il percettore NASPI (il disoccupato) riceverà una comunicazione informativa dal sistema informativo unitario (SIU). Il disoccupato che non ha trovato lavoro, potrà inoltrare la richiesta in uno dei seguenti 2 modi:

  • telematicamente attraverso il SIU del portale ANPAL;
  • rivolgendosi direttamente al CPI (Centro Per l’Impiego) competente.
Passi successivi

Dopo la sottoscrizione del patto di servizio personalizzato, il Centro per l’Impiego valuterà il profilo e deciderà entro 15 giorni se rilasciare l’assegno. Il disoccupato sarà chiamato dal soggetto erogatore (Centro per l’Impiego, agenzie per il lavoro accreditate, Fondazione consulenti del lavoro) per il programma di reinserimento.

Sarà elaborato un programma di ricerca intensiva di lavoro della durata di 6 mesi che prevede:

  • l’assegnazione di un tutor;
  • attivazione della persona alla ricerca di un lavoro;
  • percorso di assistenza intensiva alla ricollocazione;
  • incontri di verifica;
  • analisi e ricerca delle opportunità occupazionali.
DOVERI DEL DISOCCUPATO

Il disoccupato è tenuto a partecipare agli incontri concordati accettando l’offerta congrua di lavoro altrimenti scatteranno le seguenti sanzioni:

  • riduzione dell’importo;
  • perdita totale della prestazione di sostegno al reddito.
IMPORTI

L’assegno NON viene riconosciuto alla persona disoccupata ma a chi ha fornito il servizio A RISULTATO OCCUPAZIONALE ACQUISITO. I 2 fattori che influenzano il calcolo dell’importo:

  • profilo di occupabilità;
  • alla tipologia del contratto (tempo indeterminato, apprendistato oppure tempo determinato di minimo 6 mesi).

La somma varia da 250 euro a 5mila euro in base al contratto:

  • tempo indeterminato (compreso apprendistato) da 1000 a 5000 euro;
  • a termine superiore o uguale a 6 mesi da 500 a 2500 euro;
  • contratto a termine di durata da 3 a 6 mesi (per le regioni meno sviluppate) da 250 a 1250 euro.
DURATA

L’assegno di ricollocazione dura 6 MESI che può essere prolungato fino a 12 mesi.

GUARDA il VIDEO TUTORIAL

L’infografica illustra il meccanismo, SCARICA l’infografica dell’assegno di ricollocazione.

TI POTREBBERO INTERESSARE
@ Riproduzione riservata



Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Commenta l'articolo

Commenta per primo

  Subscribe  
Notifica

La Gazzetta Digitale

Torna SU